Tavolo di Lavoro – Ordine Doganalisti Lombardia – Direzione Regionale Lombardia – Agenzia delle Dogane

27 ottobre, 2008 · Archiviato in Rapporti con le istituzioni 

 

DIREZIONE REGIONALE PER LA LOMBARDIA

 

Il giorno 16 ottobre 2008, alle ore 11.00 presso i locali della Direzione Regionale per la Lombardia, Via Valtellina n.1, si è tenuta la quinta riunione del Tavolo di lavoro permanente dei doganalisti , istituito con Determinazione del Direttore Regionale prot.n.62983/UDR del 26 ottobre 2007.

Per la parte pubblica sono presenti:

Il Direttore Regionale Dott.Ing.Michele Branca Presidente

Il Direttore dell’Area GTRU Dott. Guido Gentile Membro

Il Direttore dell’Area AGC Dott.Giuseppe Ansalone Membro

Il Direttore dell’Area VCT Dott.Marco Cutaia Membro

Il Capo Ufficio Regimi Doganali e Fiscali dell’Area GTRU
Dott.Francesco Pucci Segretario

Per la parte privata sono presenti:
Consiglio Compartimentale degli Spedizionieri Membro
Sig. Aldo Lupi – Sig. Filippo Battaglino
Associazione Spedizionieri doganali di Milano Membro
Sig.Roberto Giovannelli – Sig.Ettore Corti
Associazione Lombarda Spedizionieri e Autotrasportatori Membro
Sig.Giancarlo Saglimbeni – Sig. Riccardo Fuochi
ASSOCAD (Milano) Membro
Sig.Italo Antelli
Associazione Italiana Corrieri Arerei Internazionali (Milano) Membro
Sig.ra Emanuela Vinattieri – Sig.ra Ilaria Censi – Sig.ra Margherita Potente

ANASPED (Milano) Membro
Sig.Giuseppe Bianculli
ASSOLOGISTICA Membro
Sig.Stefano Morelli

Il Dott.Andrea Cappa della ALSEA, il Sig.Cesare Guasti di ASSOCAD e il Sig.Daher di ASSOLOGISTICA non sono presenti

Ordine del giorno:

– Richiesta della SPEDAPI di partecipazione al tavolo di lavoro

– Fascia oraria di operatività degli Uffici. Aggiornamento
– AES/ECS. Nota prot.n.3028 del 21 luglio 2008 dell’Area Centrale GTRU
– Ritardi sul servizio telematico. Nota prot.n.4239 del 18 giugno 2008 dell’Area Centrale Tecnologie per l’Innovazione

– varie ed eventuali

il Direttore Regionale apre i lavori illustrando il primo punto all’o.d.g. che riguarda la richiesta della SPEDAPI di partecipazione al Tavolo di Lavoro, precisando che al Tavolo stesso debbono partecipare esclusivamente doganalisti al fine di rapportare questioni di carattere generale di interesse della categoria stessa. Interviene il Sig.Riccardo Fuochi che, in qualità anche di Vicepresidente della Associazione richiedente, illustra ai presenti che la SPEDAPI rappresenta le piccole e medie imprese di trasporto operanti in ambito doganale, e che, comunque, se la richiesta verrà accolta saranno delegati a partecipare alle riunioni del Tavolo di Lavoro esclusivamente doganalisti. Il Direttore Regionale chiede alle Associazioni presenti se hanno qualche motivo ostativo, e considerato che quest’ultime non hanno espresso parere negativo, ammette la SPEDAPI al Tavolo di Lavoro

Passando al secondo punto dell’o.d.g. il Sig.Bianculli rappresenta che presso la Direzione Regionale di Bolzano è stato previsto un unico Ufficio di controllo per il monitoraggio delle dichiarazioni effettuate in telematico oltre l’orario istituzionale 8.00.18.00 per l’intera Regione. Il Dott.Guido Gentile ritiene che tale soluzione, seppur meritevole di considerazione, non è applicabile su un territorio operativamente vasto come la Lombardia. Peraltro, lo stesso criterio è stato già adottato in ambito provinciale dagli uffici di Como e di Milano 1. Prosegue, poi, illustrando alle associazioni di categoria che dal monitoraggio effettuato dal Direttore dell’Ufficio delle Dogane di Como è stato rilevato che nella giornata del venerdì nell’intervallo orario 21.01 – 22.00 sono state inviate solo 12 operazioni. Preso atto di questo e che le Associazioni presenti non hanno sollevato obiezioni, il Direttore Regionale dispone di chiedere al Direttore dell’Ufficio di Como di rimodulare di conseguenza l’orario, sentiti gli operatori in sede locale. Per quanto riguarda l’operatività nella giornata del sabato il Dott.Gentile, concordemente con il Dott.Ansalone, ritiene che non vi sia una preclusione in tal senso, ma comunque vi deve essere un accordo in sede locale giustificato da effettive necessità operative. Da ultimo il Dott.Gentile fa presente che presso l’Ufficio delle Dogane di Milano 1 è stato raggiunto un accordo definitivo per la fascia oraria messaggi EX, che sarà così articolato
Milano 1 Centrale e SOT Linate
8.00-22,00 dal lunedì al giovedì / 8.00 – 23.00 il venerdì / 8.30-12.30 il sabato
SOT O.N.T. e SOT Toffetti
8.00-18.00 dal lunedì al venerdì / sabato chiuso.
Le Associazioni fanno presente che la situazione più complicata è quella di Milano 2 anche in ragione della mancanza da tempo di un Direttore con cui rapportarsi. Interviene il Direttore Regionale, anticipando che dal prossimo lunedì il Dott.Ing.Luca Iacomino sarà a capo di detto Ufficio, e quindi si potrà tracciare con lui una linea per la definitiva risoluzione del problema.
In relazione al terzo punto dell’o.d.g (nota prot.n.3028 del 21 luglio 2008 dell’Area Centrale GTRU avente ad oggetto alcuni chiarimenti in materia di AES/ECS) il Sig.Giovannelli fa presente che ancora oggi alcune dogane di uscita comunitarie non appurano informaticamente il DAE. Il Dott.Gentile fa presente che tale rimostranza va portata all’attenzione dell’Area Centrale competente. Il Direttore Regionale consiglia comunque alle Associazioni presenti di far pervenire una relazione dettagliata con indicati gli Uffici comunitari che non applicano correttamente la nuova normativa, facendosi carico di trasmetterla all’Agenzia Centrale. Il Dott.Ansalone fa comunque presente che, come indicato nel corpo della citata nota prot.n.3028 del 21 luglio 2008, l’Area Centrale GTRU si sta attivamente adoperando in sede comunitaria per risolvere le problematiche relative alla mancata chiusura delle operazioni di esportazione nel sistema ECS.

In merito all’ultimo punto all’o.d.g. (ritardi sul servizio telematico) il Dott.Gentile comunica che l’Area Centrale Tecnologie per l’Innovazione, su richiesta della scrivente scaturita dalle lamentele espresse nel precedente Tavolo di lavoro circa la difficoltà di accedere al server dell’Agenzia nella giornata del venerdì, ha fatto presente che nel periodo aprile-maggio 2008 non vi sono state particolari criticità. Il Sig.Antelli risponde che nel trascorso mese di settembre vi sono stati diversi blocchi nell’invio delle dichiarazioni telematiche e fa riserva di presentare tutta la documentazione probante.

Nelle varie ed eventuali il Sig.Govannelli fa presente che all’atto della definizione delle revisioni di accertamento su istanza di parte, la Dogana di Malpensa imputa gli interessi fino alla data di definizione dell’istanza. Il Sig.Giovannelli, chiede, per ovviare a tale inconveniente, di avere la possibilità di poter presentare in dogana una bolletta di rettifica, effettuando al contempo il pagamento dei maggiori diritti. Si fa presente che allo stato attuale ciò non è consentito dal sistema informativo, ma il Direttore Regionale si fa carico di partecipare quanto sopra alla competente Area Centrale per addivenire all’accoglimento della proposta. Il Sig.Giovannelli si impegna a presentare al riguardo una relazione dettagliata

Il Sig.Antelli ripropone il tema del fermo del mezzo di trasporto nell’ambito delle procedure domiciliate, presentando copia del verbale della riunione tenutasi presso l’Agenzia Centrale in data 10 aprile 2008 durante la quale sono stati espressi dei dubbi sul corretto inquadramento giuridico del problema. Per una definitiva soluzione il Direttore Regionale propone alle Associazioni presenti di riformulare il quesito per una ulteriore richiesta all’Area Centrale GTRU
Lo stesso Sig.Antelli si fa portavoce di una sensazione di irrigidimento da parte dell’Amministrazione verso i titolari di procedure di domiciliazione. In particolare obietta che per fatti ascrivibili ai soggetti per conto dei quali questi operano, sono stati emessi numerosi provvedimenti di sospensione e/o di richiamo formale. Il Direttore Regionale replica che è fondamentale il rispetto delle regole dettate dal disciplinare di servizio e che comunque ogni provvedimento sanzionatorio è preceduto dalla comunicazione di avvio del procedimento ai sensi della legge 241/90 a tutela del domiciliatario stesso. Il Dott.Gentile a questo proposito interviene puntualizzando che un domiciliatario deve avere nell’esercizio della sua attività professionale una diligenza ben superiore a quella ordinaria e che deve essere buona prassi richiedere al proprietario delle merci tutte le informazioni necessarie per il corretto svolgimento delle operazioni doganali e, in particolare, se queste non siano soggette a particolare autorizzazioni.
Interviene da ultimo il Sig. Riccardo Fuochi auspicando che il prossimo tavolo di Lavoro sia dedicato alle problematiche inerenti la figura dell’AEO. Al riguardo il Dott.Cutaia espone alcune questioni di carattere generale.

Null’altro da discutere la riunione viene chiusa alle ore 13.00

f.to Il Direttore Regionale f.to Il Segretario
Dott.Ing.Michele Branca Dott.Francesco Pucci

Commenti

Inserisci un commento

Attenzione: Questo sito è uno spazio aperto a beneficio dei Doganalisti. Non sono ammessi commenti il cui contenuto è contrario alla decenza o alla legge e comunque, la responsabilità di tali commenti è di chi li scrive. Per garantire il diritto di tutti, l' indirizzo di protocollo Internet di chi scrive i commenti, sarà registrato ed archiviato secondo le modalità previste dal D. Lgs. n. 196/2003.